home  | mail                                                                                                                        Anno IX, Febbraio 2015

 

CORTE DI CASSAZIONE; sezione prima civile; sentenza 25 febbraio 2014, n. 4413; Pres. DI PALMA; Est. BISOGNI. P.M. (ZENO). Conferma App. Lecce - sezione distaccata di Taranto 3 dicembre 2011.

 

Separazione personale - Affidamento dei figli - Affidamento ai Servizi Sociali - Supporto all'esercizio della funzione genitoriale – Configurabilità (Cod. civ., art. 155).

«L’affidamento del figlio minore ai Servizi Sociali non deve essere considerato come un’alternativa, ma, piuttosto, come un supporto all’esercizio della funzione genitoriale da parte del genitore convivente ed una garanzia per i minori di evitare produzione di ulteriori traumi dipendenti dalla conflittualità esistente fra i genitori» (massima affidamentocondiviso.it) (1)

 

________________

(1) Nella specie, la S.C., in applicazione del riferito principio di diritto, ha confermato la pronuncia di merito, che aveva disposto l'affidamento dei figli minori (sia pure in regime di convivenza con la madre) ai Servizi Sociali, ai quali era stato affidato il compito di fissare le modalità di esercizio del diritto di frequentazione del padre, sul rilievo che l'affidamento ai Servizi Sociali non si poneva affatto in antagonismo con il ruolo genitoriale, ma era inteso a supportarlo ed a reintegrarlo attraverso un percorso di recupero inteso alla riacquisizione, da parte dei minori, di un equilibrio psicologico ed emozionale gravemente compromesso dal conflitto familiare vissuto.

 

 

VEDI TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA

 

                                                   torna indietro